Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

PROGETTO “ROOTS” DELL’ARTISTA ITALIANO PIER PAOLO PATTI REALIZZATO NEL QUADRO DEL PROGRAMMA “ARTIST IN RESIDENCE” PROMOSSO DA EUNIC-IRAN, AMBASCIATA D’ITALIA A TEHERAN, IGAV E KOOSHK RESIDENCY

Data:

28/01/2019


PROGETTO “ROOTS” DELL’ARTISTA ITALIANO PIER PAOLO PATTI REALIZZATO NEL QUADRO DEL PROGRAMMA “ARTIST IN RESIDENCE” PROMOSSO DA EUNIC-IRAN, AMBASCIATA D’ITALIA A TEHERAN, IGAV E  KOOSHK RESIDENCY

Pier Paolo Patti (www.pierpaolopatti.com), videomaker e artista visivo, vincitore del concorso "Artist in Residence” – programma organizzato dal cluster EUNIC-Iran e dall’Ambasciata d’Italia a Teheran in collaborazione con l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive (IGAV) e Kooshk Residency - ha avuto l'opportunità di trascorrere un mese a Tehran per dare vita a “Roots”: un’opera che sia ponte per il confronto e l’interscambio tra le diverse culture occidentali e mediorientali.

La residenza in Iran ha rappresentato quindi un ulteriore passaggio per la vocazione di Patti alle interconnessioni geo-politiche e di socialità dell’umano. “Roots” è un’opera corale che prova a raccontare in modo diverso la pacifica convivenza tra le diverse religioni e le tante culture. Attraverso la realizzazione di “libri a copia unica” s’intende costruire una biblioteca composta da frammenti di diverse origini e provenienze come materiali usati da associazioni, enti, ong e istituzioni che lavorano nell’ambito della cooperazione dei popoli.

Tehran risulta così un primo passo, quasi obbligato, di questa nuova ricerca artistica e “Roots" è certamente un progetto ambizioso con un fine nobile. Il progetto può, concretamente, diventare uno strumento di divulgazione e di trasmissione culturale tra i diversi popoli.


491