Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

EMERGENZA COVID19: AGGIORNAMENTO E INFORMAZIONI UTILI.

Data:

23/03/2020


EMERGENZA COVID19: AGGIORNAMENTO E INFORMAZIONI UTILI.

whatsapp image 2020 03 19 at 18.11.29

  • PROVVEDIMENTI ADOTTATI DALLE AUTORITA' IRANIANE PER CONTRASTARE LA PANDEMIA

Al fine di contenere la diffusione del coronavirus, le autorità locali - dopo l'attuazione di un piano di misure restrittive improntate al principio del social distancing - hanno deciso di attuare una nuova serie di misure preventive definite di smart social distancing. Esse prevedono, a partire dall'11 aprile, la graduale riapertura su tutto il territorio nazionale delle attività produttive e dei servizi definiti a basso o medio rischio e i trasferimenti interni al Paese. Inoltre, gli Uffici pubblici osservano un orario di lavoro ridotto dalle 7.00 alle 14.00.

Per la sola Provincia di Teheran, invece, il nuovo piano di smart social distancing è entrato in vigore a partire dal 18 aprile.

Il 17 maggio è stata stabilita la riapertura delle scuole di ogni ordine e grado e delle Università, senza tuttavia l'obbligo di frequenza da parte degli studenti.

A partire dall'11 maggio sono stati riaperti i luoghi di culto e consentite le cerimonie religiose a condizione che vengano rispettati rigidi  protocolli di sanitari e distanziamento sociale.

Tutte le attività classificate come ad alto rischio (programmi culturali, artistici e musicali, manifestazioni sportive con presenza di pubblico e in generale ogni evento che implichi assembramento di persone) restano vietate.

Resta inoltre in vigore il divieto di far visita ai pazienti ricoverati nelle strutture ospedaliere. Tutti gli ospedali, privati ​​e pubblici, con capacità di gestione e trattamento delle malattie respiratorie devono accettare casi COVID-19 e fornire servizi 24/7, limitando il ricovero di pazienti affetti da altre patologie ai solo casi critici.

Le autorità iraniane sottolineano che la graduale riapertura delle attività dovrà essere accompagnata dal rigoroso rispetto dei protocolli di prevenzione epidemiologica in vigore già indicati dal Ministero della Salute e raccomandano di limitare gli spostamenti all’interno delle città, ai casi di comprovata necessità. Allo stesso modo vanno evitati raduni e assembramenti di qualsiasi tipo, oltre al ricorso a mezzi di trasporto pubblico urbano collettivo, attenendosi scrupolosamente alle indicazioni delle autorità locali.

La situazione epidemiologica viene costantemente monitorata dalle Autorità iraniane. Le 31 Province che compongono il territorio nazionale sono state suddivise in tre categorie, ciascuna corrispondente ad un indicatore cromatico (bianco, giallo e rosso) assegnato in base all'intesità e all'evoluzione del contagio. L'assegnazione delle Province a ciascuna categoria viene rivista dalle Autorità iraniane con cadenza settimanale.   

  • SITUAZIONE ALLE FRONTIERE E AGLI SCALI AEROPORTUALI

La quasi totalità dei Paesi confinanti ha sospeso o ridotto sensibilmente i collegamenti con l’Iran. La possibilità di lasciare il Paese è pertanto estremamente ridotta a fronte del limitatissimo numero di voli a disposizione. Gli unici collegamenti aerei restano, al momento, quelli assicurati da Iran Air, verso alcuni scali europei (Londra e Parigi) e quello operato da Qatar Airways. Per informazioni sul proprio volo si raccomanda di contattare direttamente la compagnia aerea di riferimento.

Tutti i passeggeri in partenza dall’Aeroporto Internazionale Imam Khomeini di Teheran, devono essere in possesso di un certificato medico rilasciato dalle autorità sanitarie a seguito di uno screening clinico effettuato presso lo scalo aeroportuale. Il certificato di buona salute sarà valido per un giorno (quello del viaggio). Nome, numero di passaporto, itinerario di volo, indirizzo di residenza saranno registrati e quindi firmati e timbrati dall'autorità sanitaria di frontiera. Vi sono operatori sanitari anglofoni presso l'unità di screening sanitario dell'aeroporto. L'intera procedura di controllo ha una durata di circa 10 minuti ed è gratuita. È comunque consigliato ai viaggiatori di recarsi in aeroporto almeno 5 ore prima dell'orario di partenza per lo svolgimento di questa procedura. Per ulteriori informazioni, il centro sanitario dell’aeroporto IKA è raggiungibile al numero + 98-21-4466673.

I passeggeri in arrivo a Teheran provenienti, o che hanno viaggiato di recente in Spagna, Francia, Stati Uniti d'America, Italia, Germania e Regno Unito, dovranno sottoscrivere un modulo con il quale si impegnano a rispettare l'isolamento domestico per una durata di 14 giorni. Saranno altresì sottoposti a misurazione della temperatura corporea, ad uno screening medico e al test diagnostico COVID-19 in un'area appositamente dedicata dello stesso scalo aeroportuale. I test verranno inviati a laboratori identificati dalle Autorità iraniane. In caso di accertamento della positività al COVID-19, i viaggiatori continueranno a rispettare l'isolamento domiciliare e, solo in caso di insorgenza di  sintomi gravi, verranno indirizzati presso strutture ospedaliere predeterminate.  

 

  • NUMERI UTILI

Le autorità locali hanno attivato la linea telefonica 1480, operativa tutti i giorni dalle 8:00 alle 20:00 per necessità di consultazione in merito al coronavirus. A ciò si aggiungono il numero 0992 158 2247 dedicato ai cittadini non iraniani, la linea telefonica 190 che fornisce messaggi preregistrati sul COVID-19 e sui metodi di prevenzione generale, oltre ai numeri telefonici 4030, 1666 affiliati all'Iran Health Insurance Organization, che forniscono consulenze in merito al COVID-19.

L’Ambasciata d’Italia a Teheran è a disposizione per fornire ai connazionali presenti nel Paese tutta l’assistenza possibile. A tal fine si prega di fare riferimento al seguente numero +98 (0) 912 103 5062.

 

  • DISPOSIZIONI DELLE AUTORITA' IRANIANE IN MERITO ALLA VALIDITA' DEI TITOLI DI SOGGIORNO DI CITTADINI STRANIERI CHE SI TROVANO SUL TERRITORIO DELLA REPUBBLICA ISLAMICA DELL'IRAN

- I cittadini stranieri entrati in territorio iraniano con visto d’ingresso valido a partire dal 20.02.2020 in poi - o che beneficiano dell’esenzione dall’obbligo di visto - potranno continuare a soggiornare in Iran fino al 21.05.2020 senza doversi recare di persona presso gli uffici della Polizia per gli Stranieri per prolungare la validità del proprio titolo di soggiorno. Essi potranno quindi lasciare il Paese senza dover pagare alcuna penale qualora il soggiorno si sia protratto oltre la data di scadenza del visto ma saranno tenuti a corrispondere esclusivamente la tariffa prevista per l’estensione della sua validità alle autorità preposte presso i valichi di frontiera.

- I cittadini stranieri in possesso di permesso di soggiorno valido fino al 19.03.2020 potranno protrarre la loro permanenza nel Paese fino al 21.05.2020 senza dover richiedere un'estensione di validità del proprio permesso. Per poter soggiornare nel Paese successivamente a tale data essi dovranno rivolgersi agli Uffici della Polizia per gli Stranieri per richiedere l’estensione del proprio titolo di soggiorno.

- I titolari di visti per motivi di studio che intendano lasciare il Paese potranno rivolgersi direttamente alle autorità preposte presso i valichi di frontiera le quali, dietro il pagamento della tariffa prevista, rilasceranno il permesso di uscita e di reingresso in Iran.

- I cittadini stranieri muniti di un permesso di lavoro valido, se intenzionati a uscire dal Paese dovranno esibire alle autorità di Polizia il certificato di regolarità fiscale (tasvieh hesab-e maliati) necessario al rilascio del permesso di uscita e di reingresso in Iran.

 

  • PRINCIPALI PROVVEDIMENTI E MISURE ADOTTATI DALL'ITALIA IN PARTICOLARE PER CHI RIENTRA DALL'ESTERO

Per informazioni sui principali provvedimenti adottati dall’Italia e in particolare sulle misure per chi rientra dall’estero (ad es. autoisolamento obbligatorio di 14 giorni), consultare la pagina dedicata del sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

 

Si raccomanda ai connazionali di consultare costantemente il sito viaggiare sicuri e di registrarsi sull’applicazione “Dove Siamo nel Mondo"

 


549